Z-Giochi.comZ-Giochi.com Mobile

Z-Giochi chiude i battenti. La Redazione continua il suo cammino all'interno delle pagine di Tom's Hardware.
Il Canale YouTube e la Pagina Facebook continueranno ad essere gestiti da DevilChry. Grazie di tutto, ci vediamo su Tom's!
Anteprima
14 aprile 2014, 15:43
Watch_Dogs
Watch_Dogs mobile

Watch_Dogs

Watch_Dogs è indubbiamente uno dei titoli più attesi di questo 2014. Dopo essere stato annunciato a sorpresa nella conferenza Ubisoft dell’E3 2012, il titolo è stato continuamente sotto i riflettori del mondo videoludico, con continui trailer e video di gameplay in grado di stuzzicare l’hype di tantissimi videogiocatori. Come però spesso accade, il troppo stroppa, e l’inaspettato rinvio del titolo dalla fine del 2013 al maggio del 2014 ha causato non pochi malumori. In primis perché era probabilmente il titolo della line-up di lancio delle console di nuova generazione più atteso, ed in secondo luogo perché quando il titolo è tornato a mostrarsi in molti hanno notato un discreto downgrade grafico per quanto riguarda la qualità delle texture. Come se non bastasse, al contestato trailer appena citato, sono seguite una serie di dichiarazioni a dir poco masochiste da parte di alcuni esponenti di Ubisoft stessa: tra chi spiegava che il rinvio era dovuto ad una certa ripetitività alla base del gioco che era da modificare, e di chi affermava che più che altro ad essere indietro erano le versioni di nuova generazione per PS4 e Xbox One.

Arrivati dunque a pochi giorni dalla data d’uscita ufficiale, e dopo tutto questo trambusto, ci è sembrato necessario scrivere un’altra anteprima del titolo, per prepararvi al meglio all’avventura nella metropoli di Chicago che vi aspetta.

Otto mesi sono abbastanza per visitare Los Santos?

Vi ricordate la spavalda pubblicità che aveva elaborato Ubisoft per dimostrare che non era per niente impaurita dalla concorrenza che un colosso come GTA V avrebbe potuto fare al suo open world? Per chi se la fosse persa, sostanzialmente si trattava di un poster recante la scritta “due mesi bastano per visitare Los Santos. Vieni a Chicago!”, un’ intelligente pubblicità che trattava in maniera ironica il terrore all’interno del mercato videoludico, che ha dominato i mesi intorno a quel settembre 2013, quando il nuovo capitolo di Grand Theft Auto regnava incontrastato, schiacciando totalmente la concorrenza. Eppure, a pensarci bene, non era tanto dei ragazzi di Rockstar che Ubisoft aveva paura, quanto di un altro titolo appartenente sempre all’azienda francese, ovvero il quarto capitolo di Assassin’s Creed. Dopo difatti un terzo capitolo che aveva deluso molti fan, il franchise si trovava in una situazione difficile e sarebbe stato indubbiamente deleterio per le vendite rilasciare nello stesso mese l’attesissimo capitolo di una nuova saga, sempre della medesima casa di sviluppo. Dopo essersi fatti quindi due conti e dopo aver constatato che il titolo necessitava di essere rifinito ulteriormente, Ubisoft ha optato per rinviare l’uscita del gioco all’anno successivo, con lo scopo di fornire un prodotto il più possibile all’altezza delle altissime aspettative. Chiariti dunque i motivi del rinvio, andiamo a ricapitolare di che cosa parlerà questo titolo.

Watch_Dogs è un gioco d’azione in terza persona ambientato in un’avveniristica Chicago, dove la tecnologia ha completamente rivoluzionato la società. In questa splendida città, che ovviamente sarà completamente esplorabile vista la natura open world del titolo, prende dunque luogo l’avventura del protagonista, Aiden Pearce, hacker che utilizza le sue conoscenze informatiche per scopi criminali, ma che in seguito ad un tragico evento sfrutterà le sue capacità per attuare una spietata vendetta sulla quale si focalizzerà la trama del gioco. Tutte le tecnologie della città di Chicago, sulle quali si basano le vite e le abitudini dei suoi cittadini, sono collegate al sistema operativo ctOS, un enorme computer che controlla sostanzialmente ogni cosa della città: semafori, sistemi di vigilanza, allarmi, luci e tutto il resto. A far parte di questo enorme sistema operativo c’è anche il PD’s Crime Prediction System, con il quale il giocatore potrà prevedere, decidendo a sua discrezione se intervenire o meno, diversi crimini sparsi per la città. Capirete dunque che per un hacker come Aiden tutto questo significa sostanzialmente avere la città in pugno: potremo seminare la polizia in un inseguimento in macchina cambiando le luci dei semafori dietro di noi, o scomparire nell’ombra causando un blackout nel luogo in cui ci troviamo. L’hacking sarà dunque alla base del gioco, anche se non mancheranno le armi, le sparatorie e dei momenti dove a dominare sarà l’azione. Lo scopo di Ubisoft sembra dunque quello di offrire un’esperienza il più possibile variegata, alla quale i giocatori potranno cimentarsi nelle modalità che più preferiscono: magari affrontando alcune missioni, principali o secondarie, in modalità stealth ed altre in maniera più action.

Attenti all’hacker!

Contemporanemente all’uscita nei negozi, Ubisoft ha intenzione di rilasciare anche la relativa companion app che sarà il cuore pulsante del multiplayer del gioco. Tramite questa applicazione potremo influire direttamente sulla partita di un altro giocatore, così come ovviamente anche gli altri potranno intervenire nella nostra. Gli altri giocatori faranno sempre le veci di Aiden nella loro partita, ma noi nella nostra li vedremo come dei personaggi non giocabili e lo scopo sarà quello di scovarli prima che riescano nel loro tentativo di hacking nei nostri confronti. Questa modalità multigiocatore ci è sembrata particolarmente interessante e divertente, anche perché ricalca perfettamente la tematica alla base del gioco: ovvero la condivisione di informazioni e di dati personali tramite Internet e le diverse tecnologie, con la relativa facilità con la quale qualcuno può impadronirsene per sfruttarle a proprio piacimento. Tematica che tra l’altro è stata sottolineata ulteriormente in diversi trailer diffusi da Ubisoft stessa,  come quello che potete visionare a fondo articolo, focalizzato sui Deadsec, la banda di hacker più famosa e potente presente nella Chicago di Watch_Dogs.

Per quanto riguarda il comparto tecnico, il gioco sembra notevole anche se non all’altezza di quanto mostrato allo scorso E3, dato che sfrutta un potente motore grafico e sembra avere delle texture davvero ben definite. Ovviamente, per non generalizzare, occorre fare una discussione per le varie versioni che saranno disponibili, visto che tra l’altro sono state sviluppate addirittura da team diversi. A farla da padrona sarà quasi sicuramente la versione PC, con ombre, effetti luce e dettagli decisamente più definiti ed un antialiasing migliore, grazie anche anche alla stretta collaborazione con NVDIA che ha permesso agli sviluppatori di sfruttare la nuova tecnologia TXAA. Per quanto riguarda invece le versioni “next gen” del titolo, potremo godere dei 1080p su PlayStation 4, mentre si rumoreggia che la versione Xbox One girerà invece alla risoluzione di 960p, ma manca ancora una conferma od una smentita ufficiale da parte di Microsoft. Come via di mezzo tra le versioni vi è quella per Wii U, che come detto da Ubisoft sarà superiore a quella per PS3 e Xbox 360 e vanterà un utilizzo intelligente delle funzionalità del Wii U Gamepad, che effettivamente sembra sposarsi perfettamente con questa tipologia di gioco e con le tematiche trattate. Purtroppo, i possessori della console Nintendo dovranno aspettare l’autunno prossimo per poter mettere anche loro le mani sulla loro copia di Watch_Dogs, mentre per tutti gli altri l’appuntamento è fissato per il 27 di maggio.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=NeRuOtXLHv4[/youtube]

IN CONCLUSIONE
Nonostante il rinvio ed il suo sviluppo lento e travagliato, Watch_Dogs continua a sembrarci un titolo molto interessante, che probabilmente sarà in grado di diventare uno dei franchise simbolo della prossima generazione, esattamente come lo è stato Assassin's Creed per quella appena conclusasi. La nostra speranza è che i mesi di sviluppo aggiuntivi siano bastati per limare al meglio tutti i difetti del gioco e che i ragazzi di Ubisoft siano stati in grado di confezionare un prodotto tecnicamente solido, innovativo e divertente. Manca davvero poco alla nostra visita a Chicago, restate quindi sintonizzati su Z-Giochi per leggere la nostra recensione!
COMMENTI