Z-Giochi.comZ-Giochi.com Mobile

Z-Giochi chiude i battenti. La Redazione continua il suo cammino all'interno delle pagine di Tom's Hardware.
Il Canale YouTube e la Pagina Facebook continueranno ad essere gestiti da DevilChry. Grazie di tutto, ci vediamo su Tom's!
Recensione
TESTATO SU PC
13 aprile 2015, 13:00

Etherium – Un RTS meticcio

Etherium è uno strategico in tempo reale ad ambientazione futuristica che, pur mantenendosi su binari piuttosto classici per il genere, introduce feature non lineari che risultano indubbiamente diverse dal solito marasma di RTS in commercio soprattutto sulla piattaforma PC. Il titolo forse pecca di troppa ambizione rispetto a quelli che sono i risultati concreti, ma non si può comunque negare la presenza di alcune idee interessanti, pur se spesso mal contestualizzate.

Originale ma non troppo

Il gameplay del prodotto è un miscuglio piuttosto stravagante: da un lato c’è un sistema strategico dei più classici, se non banali, dato dalla solita situazione di conquista del territorio e delle risorse; dall’altra una interessante componente climatica ed ambientale, capace di stravolgere e di differenziare gli approcci di combattimento e conseguentemente di produzione. La campagna di Etherium segue una storia non lineare, nella quale a noi spetterà intraprendere una battaglia di conquista interplanetaria in un settore della galassia ricco di questo fantomatico minerale: l’Etherium. Ovviamente lo sfruttamento dello stesso non potrà essere pacifico e dovrà passare attraverso l’annichilimento delle fazioni rivali (il Consorzio, l’Impero Vectide e gli Intar). Ognuna di esse avrà ovviamente proprie peculiarità, dalle unità fino agli attributi esclusivi, o poteri che dir si voglia. Naturalmente la strategia di gioco cambia sensibilmente da fazione e fazione, trasformando il momento della scelta in un punto fondamentale su cui basare tutta il proprio approccio bellico. Lo scheletro del videogioco rimane quindi un RTS standard, ancorato a dinamiche assodate. Partendo da una prima colonia bisognerà assicurarsi a suon di interventi militari i vari punti strategici, raccogliendo la risorsa che dà il nome al gioco stesso, preparando truppe e cercando di distruggere ed ostacolare i nemici.

Di diverso però bisogna segnalare la presenza di elementi ambientali molto accurati. La struttura non lineare della campagna ci permetterà di scegliere su quali pianeti e quali zone degli stessi creare le nostre colonie (ma su questo torneremo tra poco). Allo stesso tempo le mappe di gioco saranno caratterizzate da un sistema di meteo dinamico, il quale influenzerà notevolmente le nostre azioni e quelle degli avversari. Uragani ed altri fenomeni di questo tipo cambieranno drasticamente le stats e le risposte delle varie unità, sia militari che di produzione, potendo decidere le sorti delle battaglie e divenendo un elemento fondamentale nel calcolo strategico del giocatore. Gli Intar possiedono tra l’altro il potere di vedere sprazzi di futuro e, con il giusto numero di punti azione, cambiare in parte gli stessi, piegando tali agenti atmosferici per i propri fini. Ovviamente, pur se non sullo stesso piano di controllo temporale, anche le altre due fazioni avranno a disposizione interessanti attributi, quali per esempio la chiamata alle armi del Consorzio. Da tenere d’occhio infine la morfologia della mappa di gioco, la cui varietà e le cui peculiarità dovranno essere inserite nel proprio disegno strategico.

Non solo rts

Il gioco presenta poi un secondo elemento di indubbio valore: la modalità principale, cioè la conquista; partirà da una mappa galattica, da cui muovere le proprie flotte e gestire, a turni, il proprio impero. Questo in concomitanza con le scelte degli avversari, trasforma Etherium da banale RTS a strategico a turni, almeno nelle fasi di scelta e pianificazione precedenti alle battaglie. Purtroppo nonostante questo sistema ibrido renda indubbiamente il videogioco più interessante ed eterogeneo, non si può certo dire di essere di fronte ad un ibrido, essendo le componenti a turni piuttosto scarne e mai troppo approfondite.

Graficamente poi il titolo non si distingue, non riuscendo a spiccare il volo né per originalità, né per grande qualità. L’IA dei mob ostili non rappresenterà mai un grande ostacolo, essendo più difficile gestire il meteo dinamico che i propri avversari. Anche le stesse unità prodotte non seguiranno in maniera impeccabile i propri ordini. Allo stesso modo non avremo a disposizione scorciatoie da tastiera o altri sistemi per evitare di dover cliccare innumerevoli bottoni per ottenere una semplice produzione di una sola unità militare. Tecnicamente poi il titolo non spicca, anzi. Le animazioni risultano praticamente assenti, essendo il feedback degli impatti e dei combattimenti lasciati solo ai laser ed ai giochi di luce, mancando però un vero e proprio movimento da parte delle proprie truppe, ad esclusione di quello propriamente deambulatorio. Si accodano anche le ambientazioni ed il level design, entrambi piuttosto scialbi e privi di personalità.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=8jqIymcNYHA[/youtube]

IN CONCLUSIONE
Il gioco ha indubbiamente delle peculiarità che, magari per un seguito, potrebbero essere interessanti. Purtroppo il sistema prettamente RTS, ad esclusione delle dinamiche climatiche e della grande varietà delle mappe e delle ambientazioni, consta di una certa banalità, complice anche una realizzazione tecnica non proprio impeccabile, il tutto sommato ad una grafica ed un design appena sufficienti. La modalità non lineare e la struttura a turni della mappa galattica indorano la pillola, che però allo stato attuale non va di poco oltre la sufficienza, essendo Etherium un ibrido che non spicca mai il volo, e che non riesce a valorizzare i propri punti di forza in maniera costruttiva.
Pro-1
Sistema meteo interessante
6.5
Contro-1
Graficamente di basso livello
Pro-2
Campagna non lineare ben fatta
Contro-2
Sistema RTS poco competitivo
Pro-3
Meccaniche ibride
Contro-3
Tecnicamente da migliorare
Un po' sciapo
COMMENTI