Z-Giochi.comZ-Giochi.com Mobile

Z-Giochi chiude i battenti. La Redazione continua il suo cammino all'interno delle pagine di Tom's Hardware.
Il Canale YouTube e la Pagina Facebook continueranno ad essere gestiti da DevilChry. Grazie di tutto, ci vediamo su Tom's!
Recensione
TESTATO SU PC
16 agosto 2015, 18:13
Game of Thrones: A Telltale Games Series
Game of Thrones: A Telltale Games Series mobile

Game of Thrones: A Telltale Games Series Episode 5 – Nest of Vipers

Il quinto episodio della serie targata Telltale Games riguardante Game of Thrones alza indubbiamente l’asticella del gradimento, spostando il risultato globale (oramai a solo un episodio dall’essere definitivo) nella zona alta delle classifiche videoludiche. Nest of Vipers rispetta non solo le aspettative create con l’ottimo capitolo 4, ma cancella anche i dubbi riguardo alla partenza un po’ claudicante e al rischio di inserire troppa carne al fuoco. Al contrario bisogna dire che l’intera produzione questa volta risulta non solo coinvolgente, ma anche dinamica ed equilibrata.

TTG_GoT_Logo

La bellezza della dinamicità

La cosa che colpisce più di tutte in questo quinto capitolo è indubbiamente la spinta verso la dinamicità dello stesso. Nonostante la grande mole di eventi (molti dei quali tutt’altro che piacevoli) in attesa dietro l’angolo, finalmente il giocatore avrà l’impressione di poter intraprendere una strada che non abbia come unico sbocco l’essere trascinata dall’inevitabile destino deciso dagli sceneggiatori. In merito quindi bisogna dare atto della crescita del prodotto, maturo e pronto a regalare intense emozioni ai compratori. L’elemento più interessante è comunque l’abilità degli scrittori di simulare e ricalcare lo stile unico ed inconfondibile del maestro Martin, e trasportarlo in linguaggio videoludico, attraverso un incipit lento e doloroso, una costante crescita della psiche dei personaggi, fino al climax finale, denso e pieno di eventi ed attività.

Come sempre Rodrick assumerà il ruolo principale anche in questo quinto episodio, scrollandosi di dosso almeno in parte il senso di impotenza che ne aveva contraddistinto tutto il percorso fino a questo momento. Certo le cose in casa Forrester non vanno come dovrebbero, ma finalmente si intravede un certo disegno finale, al quale il giocatore dovrà dare una grossa mano per poterlo compiere appieno. Il rampollo della devastata casa del Nord rimane la perla dell’intera produzione: una crescita psicologica potente e a tratti commovente, una storyline decisa e di grandissimo impatto. Al pari viene Asher, sempre più vicino al ritorno a casa, e forte di essere protagonista di alcuni momenti QTE di incredibile impatto. Sebbene probabilmente le conseguenze siano sempre le stesse e, come sempre nei giochi Telltale, ci siano pochissimi bivi da scegliere, l’impressione ed il feedback di ogni scena di azione pesano come macigni sui fruitori, dando finalmente un certo spessore anche alle scene più adrenaliniche. Elemento questo vitale per giustificare la giocata e non renderla una semplice “cronistoria”.

Mira continua a giocare con il fuoco, e pur rappresentando forse uno spezzone distante, soprattutto se messo a confronto con i più tangibili problemi di Roderick ed Asher, bisogna dare atto alla giovane Forrester di essere uno dei pochi personaggi da subito coinvolti in maniera diretta e forse esplicitamente collegata alle nostre decisioni. Pertanto i suoi guai sono un poco anche i nostri, rappresentando il momento più elegante e fruibile dell’intera saga. Certo le sue azioni continuano ad essere poco legate a quanto sta accadendo nella nostra lontana e fredda magione, ma gli eventi di questo quinto capitolo saranno utili per smuovere un po’ le acque e regalarci forse una delle più belle simulazioni di “Game of Thrones” della storia del videogioco. Assieme a Mira ricordiamo per ultimo l’impavido Gared, intrappolato in una morsa gelida, tra l’incombente ricerca del North Grove ed i feroci White Walkers. Quella del giovane scudiero è forse la sessione più confusa ed al tempo stesso densa di dubbi morali dell’intero episodio: per inseguire infatti la volontà del defunto Lord ci toccherà affrontare pericoli mortali, mettendo in serio rischio la vita di altri innocenti. Come sempre la sessione riguardante gli innevati misteri del profondo Nord lascia sempre una certa insoddisfazione, complice anche la mancanza di elementi letterari che possano farci sperare in un epilogo degnamente conclusivo (ed anche ben innestato con le premesse di fondo).

 [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=L4uuyxnSeM0[/youtube]

IN CONCLUSIONE
Come annunciato durante la recensione del quarto episodio, questo quinto seguito ha finalmente segnato la maturità dell'intera opera. Le nostre decisioni, pur forse non comportando fattualmente grandi differenze in termini di storia, ne danno comunque l'impressione, elemento fondamentale in un'avventura grafica di questa natura. Il gioco regala insomma emozioni forti ed una trama degna della saga, permettendo a tutti di immedesimarsi nelle vicende della sfortunata ma impavida casa Forrester. Ora bisognerà aspettare il capitolo finale, dal quale probabilmente dipenderà il giudizio dell'intera epopea, essendo le vicende fin qui narrate meritevoli di un degno epilogo.
Pro-1
Le decisioni pesano come macigni
8
Contro-1
Solite carenze tecniche
Pro-2
Grande svolta nella storyline
Contro-2
Un po' di paura per Gared
Pro-3
Bellissime scene di azione
EPICO
COMMENTI