Z-Giochi.comZ-Giochi.com Mobile

Z-Giochi chiude i battenti. La Redazione continua il suo cammino all'interno delle pagine di Tom's Hardware.
Il Canale YouTube e la Pagina Facebook continueranno ad essere gestiti da DevilChry. Grazie di tutto, ci vediamo su Tom's!
Recensione
TESTATO SU PS4
14 luglio 2015, 13:06
God of War III Remastered
God of War III Remastered mobile

God of War III Remastered – Un Kratos furioso in alta definizione

Già dal primissimo capitolo uscito nel lontano 2005 su PlayStation 2, la creatura di David Jaffe è riuscita ad entrare nel cuore dei videogiocatori, grazie agli epici avvenimenti su schermo accompagnati dai Quick Time Event e alla violenza del protagonista, Kratos, che pur di arrivare al proprio obiettivo è disposto a lasciare dietro di sé innumerevoli cadaveri. Dopo aver rilasciato tre capitoli “ufficiali” e altrettanti spin-off, tra i quali il poco esaltante Ascension, i ragazzi di Santa Monica hanno deciso di placare l’attesa per il reboot della saga su PlayStation 4 con una versione rimasterizzata di God of War III. Noi abbiamo avuto modo di portare di nuovo a termine l’impresa di Kratos con qualche giorno d’anticipo ed ecco quindi la nostra recensione.

Senza titolo-1

avrò la mia vendetta, zeus!

Per chi non sapesse nulla di God of War III, questo è un seguito diretto del secondo capitolo, infatti riprenderemo esattamente dal punto in cui ci eravamo interrotti, con un Kratos più infuriato che mai e diretto verso Zeus con al fianco i maestosi titani. Purtroppo qualcosa andrà storto e per raggiungere il nostro obiettivo dovremo letteralmente massacrare tutti gli dei dell’olimpo e in aggiunta qualche creatura mitologica, giusto per gradire. Certo, non si tratta di un titolo dalla forte componente narrativa, visto che la storia è un mero pretesto per passare da un’uccisione spettacolare all’altra, ma sarà proprio la voglia di scoprire cosa o chi brutalizzerà il nostro Kratos che ci spingerà a proseguire nel gioco.

Passando al gameplay, il titolo resta sostanzialmente invariato. Ci troviamo di fronte ad un action in terza persona non particolarmente tecnico, che però richiede una certa coordinazione alle difficoltà più alte. La vera particolarità di questo terzo capitolo consiste nell’introduzione di ben quattro diverse armi da utilizzare, tra le quali ovviamente spiccano le lame dell’esilio, simbolo della saga, e svariati altre che strapperemo con la forza dai vari personaggi incontrati. Altra peculiarità della serie risiede nell’utilizzo di telecamera fissa, che senza mai far rimpiangere al giocatore quella tradizionale, ci consente di schivare nelle quattro direzioni con lo stick destro. Non c’è molto altro da dire per quello che riguarda il combattimento se non che, grazie ai 60 fotogrammi al secondo praticamente granitici, il tutto è ora più fluido e, soprattutto nelle schivate, avremo una risposta ai comandi decisamente superiore rispetto a quanto visto nella versione originale. Ovviamente non mancheranno i soliti Quick Time Event, grazie ai quali potremo dare il via a sequenze di morte particolarmente violente, che coinvolgeranno tanto i nemici quanto i boss, che spesso e volentieri periranno in modi poco piacevoli.

Purtroppo questa versione remastered non può vantare alcuna particolare novità se non quelle relative al comparto tecnico. L’unica aggiunta riguarda infatti la presenza di una modalità foto, che ci permette di bloccare qualunque momento in game o nelle cutscene (purché non siano prerenderizzate) e applicare qualche filtro, cornice ed effettuare un ingrandimento. Tale possibilità è sicuramente piacevole, ma l’impossibilità di ruotare liberamente la telecamera risulta essere un problema non da poco, poiché non ci consente di inquadrare la scena dal punto di vista che più preferiamo. Insomma, photo mode buona ma non ai livelli di quanto visto in altri titoli quali inFAMOUS: Second Son.

Dal punto di vista tecnico non possiamo lamentarci. Certo, sono ormai passati diversi anni dall’uscita del titolo su PlayStation 3, ma ancora oggi il modello di Kratos, con i dovuti ritocchi, riesce a fare la propria figura, anche se paragonato a molti dei titoli recenti. Oltre al protagonista, anche le aree di gioco hanno subito un grosso miglioramento grazie all’utilizzo di texture in alta definizione e, ovviamente, all’aumento della risoluzione del titolo, che gira ora a 1080p nativi. Meno entusiasmanti invece alcuni modelli dei personaggi secondari (alcuni boss in particolare, come Ercole o Zeus), che per quanto non siano da buttare risultano sicuramente meno dettagliati rispetto al resto. Impossibile poi non parlare dell’incredibile impatto visivo durante alcune sequenze, che ci mettono di fronte a creature enormi che, nonostante gli anni trascorsi, risultano ancora oggi spettacolari (lo scontro con Poseidone su Gaia è una vera e propria partenza col botto). Come già citato sopra, anche in questa remastered abbiamo i classici 60 fotogrammi al secondo, che migliorano sensibilmente l’esperienza di gioco e, cosa più importante, sono sempre stabili, dall’inizio alla fine dell’avventura di Kratos. Inutile dire che l’ottimo doppiaggio in italiano e le splendide musiche che accompagnano le nostre azioni sono quelle originali, quindi nulla da dire a riguardo.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=WiVk9EKdjq4[/youtube]

IN CONCLUSIONE
God of War III Remastered è senza dubbio un'ottima scusa per rigiocare ancora una volta quello che è, probabilmente, il miglior capitolo della serie. Certo, se avete giocato e rigiocato tutte le avventure di Kratos potreste sicuramente evitare l'acquisto, ma se siete particolarmente affezionati a questo terzo capitolo o non avete mai giocato il titolo (e magari avete recuperato i primi due grazie alla versione rimasterizzata in HD su PS3/Vita), non possiamo fare altro che consigliarvi l'acquisto di questa Remastered, che con qualche ritocchino tecnico riesce ancora una volta a sorprenderci dal punto di vista grafico e a divertirci grazie al suo gameplay semplice ma divertente. Insomma, massacrare gli dei dell'Olimpo non è mai stato così divertente.
Pro-1
L'epicità di alcuni scontri non ha eguali
8
Contro-1
Modalità foto migliorabile
Pro-2
Graficamente spettacolare...
Contro-2
... Eccezion fatta per alcuni modelli sottotono
Pro-3
60 fotogrammi al secondo
Contro-3
Nessuna novità particolare
IL FANTASMA DI SPARTA MESSO A NUOVO
COMMENTI
COMMENTI

  1. Dan scrive:

    Bah, non ha senso

  2. Stefano scrive:

    Un “no sense” ha piu senso di questa edizione.