Z-Giochi.comZ-Giochi.com
Exact matches only
Search in title


Recensione
21 ottobre 2013, 16:00
pokemon-x-and-y-legendaries
pokemon-x-and-y-legendaries

Pokémon X e Y – Recensione

Quando si parla di killer application per quel che riguarda le console portatili Nintendo, è impossibile non nominare i titoli dedicati ai Pokémon, un vero e proprio fenomeno mediatico che accompagna i videogiocatori sin dal 1996, quando hanno fatto la loro apparizione nel mercato come primissimo titolo per Game Boy, nelle versioni Rosso e Blu. Nonostante siano passati ben diciassette anni, siamo ancora qui a parlare di un altro titolo dedicato ai pocket monster, questa volta si tratta del debutto della serie sull’ultima handheld Nintedo, il 3DS, dove il gioco è uscito, come sempre, in due diverse versioni, X e Y. Scopriamo insieme tutti i dettagli di questi attesissimi nuovi capitoli.

pokemon-x-and-y-legendaries

TRA MEGAEVOLUZIONI E VECCHIE CONOSCENZE

Dopo aver scelto il sesso del nostro allenatore e, assoluta novità, uno dei tre possibili aspetti disponibili, verremo svegliati da nostra madre che ci avverte, come al solito, che siamo in ritardo e che dobbiamo sbrigarci a raggiungere il laboratorio Pokémon più vicino per poter dare inizio al nostro lungo viaggio. Gli starter a nostra disposizione saranno Froakie, di tipo acqua, Chespin, di tipo erba, e Fennekin, di tipo fuoco. Ancora una volta, il nostro allenatore/antagonista sarà una ragazza, e ci accompagnerà lungo tutta l’avventura insieme ad altri tre allenatori. Una delle differenze rispetto al passato consiste nell’obiettivo principale, che non riguarderà più il solo completamento del Pokédex, ma sarà incentrato sulla scoperta delle antiche e misteriose megaevoluzioni. Ulteriore novità è rappresentata dalla presenza di un secondo starter, più precisamente potremo scegliere uno tra i tre starter di Kanto, ovvero i celebri Squirtle, Charmander e Bulbasaur, Pokémon ai quali tutti coloro che seguono la saga sin dal principio sono particolarmente affezionati. La presenza dei vecchi Pokémon è piuttosto ricorrente durante tutto l’arco dell’avventura, questo perché gli sviluppatori hanno voluto dedicare il titolo soprattutto ai vecchi fan della serie.

A livello di gameplay il gioco rimane sostanzialmente invariato, infatti si tratta, come sempre, di un RPG a turni che vede scontrarsi due squadre composte da un massimo di sei Pokémon. Saranno poi presenti scontri 2 contro 2, 1 contro 6 e le classiche battaglie con i Pokémon selvatici, i quali potranno essere catturati attraverso le numerose Pokéball a nostra disposizione. I nuovi Pokémon della regione di Kalos sono in totale 68, numero piuttosto ristretto, giustificato però dal fatto che tutti i vecchi Pokémon sono stati realizzati da zero col nuovo motore grafico, di cui parleremo dopo. Tutte i nuovi arrivati nel Pokédex sono piuttosto ben realizzati, mostrando tendenzialmente forme base estremamente colorate e tenere, che vanno in contrasto con le proprie evoluzioni che si mostrano invece piuttosto corpulente e cattive (vedi Pancham e Pangoro). Altra novità riguarda un tipo di Pokémon inedito, ovvero il tipo folletto, attribuito a diversi vecchi Pokémon (vedi Mr.Mime e Jigglypuff), il quale ha come caratteristica principale quella di essere immune agli attacchi di tipo drago.

Passiamo ora a parlare delle megaevoluzioni, elemento di cui si è tanto parlato negli scorsi mesi. Per chi non avesse ben capito di cosa si tratti, le megaevo sono evoluzioni aggiuntive che permettono ad alcuni Pokémon di aumentare le proprie statistiche sino al termine della battaglia (qualcuno ha detto Digimon?), talvolta modificandone anche il tipo, aprendo in tal senso nuovi sbocchi in termini di gameplay. Per attivare la megaevoluzione, non avremo bisogno d’altro che di una pietra speciale da abbinare al nostro Pokémon, dopodiché potremo farlo evolvere ogni volta che vorremo durante le battaglie. Basterà infatti, nella schermata di selezione dell’attacco, attivare lo switch della megaevo per poi attaccare normalmente, in questo modo il nostro Pokémon si evolverà prima di effettuare la mossa selezionata. Purtroppo non tutti possiedono una megaevoluzione e non sarà possibile far evolvere più di un Pokémon durante una battaglia.

Per nostra fortuna le novità non sono finite qui, infatti anche la gestione delle statistiche dei vari Pokémon ha subito dei cambiamenti. Finalmente infatti potremo avere il pieno controllo degli EVs, che saranno visibili nella scheda di ciascun Pokémon. La cosa più interessante a riguardo è l’introduzione del S.A.V. (Super Allenamento Virtuale), che ci permette, attraverso dei minigiochi che sfruttano il touch screen, di migliorare in maniera mirata le statistiche quali attacco, difesa e punti salute. Nel caso poi volessimo cambiare spesso gli elementi all’interno della nostra squadra, verremo aiutati dalla presenza del Condividi Esperienza, un oggetto a dir poco fondamentale che, se attivato, assegnerà punti esperienza anche ai Pokémon del team che non hanno partecipato direttamente allo scontro, facilitando il grinding in maniera esponenziale. L’affinità coi vari Pokémon poi, che è fondamentale in svariate occasioni, potrà invece essere gestita attraverso il Poké io e te, una sorta di tamagotchi in cui ci prenderemo cura dei nostri mostriciattoli sempre attraverso l’utilizzo del touch screen. Certo col passare del tempo l’utilizzo di questo strumento potrebbe risultare frustrante, ma sarà comunque necessario ai fini del gioco.

Come avrete notato, non abbiamo ancora trattato tutta la componente relativa all’esplorazione, che ha subito importanti cambiamenti. Per la prima volta nella storia della serie infatti, potremo muoverci liberamente all’interno degli scenari, senza più doverci spostare solo ed esclusivamente nelle quattro direzioni prestabilite. La mappa di gioco è davvero enorme, infatti oltre le numerose città (Luminopoli è così vasta che sono presenti dei taxi per spostarsi velocemente), troviamo come sempre tantissimi percorsi in cui poter catturare i nostri Pokémon. Grazie poi alle Macchine Nascoste potremo utilizzare gli elementi della nostra squadra per raggiungere luoghi altrimenti inaccessibili, viaggiare velocemente da un punto all’altro della mappa o navigare sul dorso dei nostri Pokémon. Oltre all’ormai immancabile bici, che ha una velocità elevatissima, sono stati introdotti i pattini a rotelle: quando non avremo equipaggiato il nostro veicolo a due ruote, ci sposteremo sui pattini con l’utilizzo dello stick, mentre ci muoveremo a piedi con i tasti direzionali. Tali mezzi ci permetteranno un’esplorazione più facile delle varie città, ognuna delle quali caratterizzata da svariati negozi e sturtture, come il Centro Pokémon (spesso potremo curare la nostra squadra anche nel bel mezzo di percorsi e dungeon, grazie alla presenza di alcuni personaggi dotati di questa abilità), negozi di vestiti (il nostro alter ego digitale potrà essere personalizzato da capo a piedi), parrucchieri, Cafè e tanto altro.

Non mancheranno infine le palestre, in cui dovremo sfidare svariati allenatori e capipalestra per ottenere una delle otto medaglie a disposizione, ma sul nostro cammino ci troveremo di fronte anche i loschi figuri del Team Flare, l’equivalente del Team Rocket in questo nuovo titolo, che non mancherà di creare scompiglio nel mondo di gioco. Per battere tutti i capipalestra e catturare il Pokémon Leggendario relativo alla nostra versione di gioco, impiegheremo circa 25/30 ore di gioco, ma potete facilmente intuire che è proprio una volta terminata la storia principale che inizia il vero e proprio gioco. Chiunque abbia giocato ai precedenti capitoli sa infatti che ci sarà parecchio da fare, come catturare tutti i Pokémon e rafforzare quella che è la nostra squadra in vista delle partite online. A far parte del post-game ci saranno in particolar modo la Lega Pokémon, che ci vede affrontare svariati allenatori, e il Pokémon Safari, attraverso il quale potremo catturare Pokémon appartenenti ai nostri amici e, in casi particolarmente fortunati, versioni piuttosto rare di svariati Pokémon.

Le funzionalità online del titolo non si fermano però al Safari, infatti è presente una modalità di scambio a dir poco eccezionale. Potremo effettuare scambi con amici, sconosciuti e persone presenti fisicamente vicino a noi, senza contare la presenza dello scambio casuale, ovvero offriremo un nostro Pokémon per riceverne uno a caso da un altro utente che ha fatto lo stesso con un elemento della sua collezione. Il tutto può essere effettuato con estrema facilità tramite il touch screen, senza interrompere il gioco. Inutile dire che, visto lo scarso livello di sfida offerto dal single player, chiunque voglia avere una sfida alla propria altezza dovrà fiondarsi nel multiplayer competitivo, che permetterà, così come avviene con lo scambio, di sfidare amici in locale, online e sconosciuti, in battaglie che vanno dall’uno contro uno a scontri con squadre da tre, con tanto di opzione per bilanciare le due squadre, onde evitare che un team prevalga sull’altro per una pura questione di numeri. Ci verrà data poi la possibilità di personalizzare la nostra scheda da allenatore, in cui potremo specificare il nostro tipo di Pokémon preferito, il nostro paese, un messaggio di benvenuto e altre informazioni.

Dal punto di vista tecnico il gioco è semplicemente spettacolare, ognuno dei circa 700 Pokémon è stato realizzato da zero con il nuovo motore di gioco, che ci permette finalmente di osservare dei modelli poligonali e non più dei semplici sprite animati. La tecnica utilizzata per realizzare i Pokémon è quella del Cel Shading, che si adatta perfettamente all’occasione, dal momento che la resa grafica è molto simile a quanto visto nell’anime. Parentesi a parte va fatta per le animazioni, infatti ogni Pokémon ha animazioni differenti per ogni mossa, il che significa che l’Azione eseguita da uno Zigzagoon vedrà lo stesso, attaccare eseguendo un movimento a zigzag, stesso discorso per altri Pokémon con relative mosse. Peccato per la poca attenzione dedicata al 3D stereoscopico, attivabile solo durante alcuni filmati, i combattimenti e pochissime fasi esplorative (alcuni dungeon sono disegnati in modo da esaltare l’effetto 3D, ma si contano sulle dita di una mano). Ottimo anche il comparto sonoro, che offre musiche davvero belle in ogni occasione. Gradita è infine la possibilità di utilizzare ben 10 delle musiche di gioco durante gli scontri online.

IN CONCLUSIONE
Pokémon debutta nel migliore dei modi su 3DS, offrendo un nuovo e meraviglioso comparto tecnico e diverse piccole modifiche che non vanno però ad intaccare il gameplay classico della serie. Chi ha amato gli episodi precedenti potrà trovare in questo nuovo titolo ore ed ore di divertimento, grazie al sistema di scambi online e alle battaglie multigiocatore, che rendono il titolo praticamente infinito e che fanno da contrappeso alla difficoltà piuttosto bassa della campagna single player. Coloro che invece non sono mai riusciti ad avvicinarsi alla serie difficilmente troveranno appetibile questo capitolo, dal momento che le novità introdotte, come detto poco sopra, non rendono il gioco così diverso dai predecessori.
Pro-1
Graficamente stupendo
9
Contro-1
Sistema di movimento migliorabile
Pro-2
Funzionalità online molto interessanti
Contro-2
Livello di sfida del single player piuttosto basso
Pro-3
Tantissime ore di divertimento
Contro-3
Non tutti i Pokémon sono dotati di megaevoluzione
GOTTA CATCH 'EM ALL IN 3D
IMMAGINI
COMMENTI
  • Giovanni “GioDomi” Dominoni

    Bella Rece ;)

    Già nella lista dei prossimi acquisti!

  • http://www.z-giochi.com Danilo “MasterDan” Barbieri

    Good Games

  • Giovanni “Giova798″ la Valle

    Devo recuperarlo al più presto :c. Comunque rece completa come sempre :)

  • Giovanni “Giopa” Panzano

    Grazie mille ragazzi, ovviamente chiunque abbia un 3DS dovrebbe considerare l’acquisto del gioco, perchè merita molto

  • Jacopo “ED64″ Retrosi

    Era dai tempi di Rubino e Zaffiro che non mi divertivo così con un gioco Pokèmon. Avrei gradito più specie inedite, ma per il resto è uno spettacolo

  • Giuseppe “Pewakka” Vacante

    Mi tocca andarere a comprare un 3ds o un 2ds ancora da decidere, per poterlo giocare :P

    • Ekros

      Con tutto il rispetto per Pokémon eh, ma con tutto il ben di Dio che c’è da giocare su 3DS, acquistarlo solo per il suddetto titolo, anche se è forse una delle più grandi Killer Application di sempre, è deleterio. ;)

      • http://www.z-giochi.com Danilo “MasterDan” Barbieri

        mi sa che è un capolavoro sisi

      • Giuseppe “Pewakka” Vacante

        Mica giocherò solo a questo :P .
        ma è giunto il omento che il mio ds diventi un 3ds XD

  • gompaky

    Spettacolo. Io da bravo malato li ho presi entrambi al day one :D Peccato per i cali di frame rate…

    • Giovanni “Giopa” Panzano

      Beh dai, i cali di frame sono piuttosto rari e capitano quasi esclusivamente durante gli scontri con svariati Pokémon a schermo, per il resto il gioco gira fluido e senza problemi. Sinceramente non mi sembra una cosa tanto pesante da intaccare l’esperienza di gioco, i giochi con problemi di frame sono ben altri.

zlogoFacebookTwitterGoogle PlusYouTubeInstagramFeed RSSSteam